BENVENUTI
Sunday 19 Nov 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style

La tua cura: 5 punti per comprendere...

Dal benessere alla patologia
Dal benessere alla patologia
Approfondisci...
Un percorso differente
Un percorso differente
Approfondisci...
Parlane al tuo medico
Parlane al tuo medico
Approfondisci...
Valutazione e trattamento
Valutazione e trattamento
Approfondisci...
Prova
Il ripristino delle funzionalità
Approfondisci...

La tua colonna vertebrale

La tua salute è importante

Osteopatia.sm dalla parte del paziente


...Leggi

La Lombalgia

  In questa sezione rientrano tutti gli altri termini, medici e non, che servono a richiamare il dolore percepito al tratto lombare della colonna vertebrale: mal di schiena, sciatalgia, sciatica,...


...Leggi

Il dolore sacro-iliaco

  Il dolore sacroiliaco è una delle manifestazioni più frequenti delle problematiche lombosacrali e si manifesta con una sintomatologia acuta o sorda in prossimità del quadrante superiore/interno del...


...Leggi

Il dolore alla spalla

IL DOLORE ALLA SPALLA    Come per altri problemi oggetto della discussione in queste pagine, rimarchiamo ancora che un dolore può essere l’espressione di numerosi problemi e, nel caso della spalla, ...


...Leggi
0123

Ginocchio e tendine rotuleo


Il capitolo per il problema del ginocchio può essere diviso in due parti:

  • senza indicazione chirurgica e
  • con indicazione chirurgica


con indicazione chirurgica

Per questi ultimi casi è evidente che l'interlocutore di riferimento dovrà essere il medico ortopedico, necessario per tutti i traumi lesivi e per le situazioni in cui occorre prevedere la protesi.

In questa stessa sezione possono però coesistere anche casi, in cui il paziente riceve indicazioni per un intervento detto di "pulizia", ovvero atto ad asportare alcune piccole parti danneggiate dall'usura, che però non necessariamente sono sempre la causa del dolore.
Per spiegare meglio questo concetto è importante sottolineare che il dolore è spesso secondario ai meccanismi alterati che comportano, nel tempo, l'invecchiamento delle parti cartilaginee e la fibrosi dei tessuti molli (borse sierose, capsula articolare, etc).
In questi casi, dopo un intervento chirurgico o nel tentativo di evitare/rinviare lo stesso, il trattamento manuale delle componenti che generano attrito, logorio e disturbi conseguenti, potrà essere un aiuto considerevole se in grado di mostrare benefici sin dai primi incontri.


senza indicazione chirurgica

In tutti i casi in cui il ginocchio manifesta dei problemi, dolore, sensazione di instabilità, senza che il medico specialista possa individuare lesioni della struttura e conseguente indicazione chirurgica, è fondamentale analizzare la biodinamica di questa articolazione per decodificare le disfunzioni sicuramente presenti, di norma reversibili in tempi rapidi.

Si tratta di storie cliniche frequentissime, dove i menischi, i legamenti, la cartilagine del femore o della tibia, la cartilagine rotulea, la borsa sierosa ed il corpuscolo di Hoffa, possono essere sede di maniìfestazioni del dolore (dolore sordo o dolore trafittivo) senza che la risonanza magnetica o l'ecografia possano evidenziare problemi o lesioni articolari problematiche del ginocchio che si manifestano in differenti forme di sindrome disfunzionale meccanica, si instaurano partendo da un'alterazione degli schemi classici di movimento (referenziale Metodo Solère, modelli terapeutici NA....)

Si tratta di parametri concreti rilevabili con un'accurata valutazione funzionale che durante il primo incontro in studio, che tutti gli esami radiologici (eseguiti in assenza di movimento per non ivalidare lo stesso esame) non sono in grado di cogliere.

Quando si instaura una problematica di questo tipo, il rinforzo muscolare non potrà essere il primo approccio nel piano di trattamento, perchè il lavoro in carico del ginocchio che presenta una sindrome disfunzionale meccanica può, non di rado, peggiorare il quadro clinico.

Con questa modalità di analisi che considera i fini meccanismi della perdita dei sincronismi in ogni articolazione, permette di solito di dare una risposta terapeutica significativa in tutti quei casi in cui i trattamenti sono stati condotti con il generico massaggio  ed esercizi di mobilizzazione/rinforzo muscolare ed anche in tutti quei casi in cui le energie fisiche comunemente usate in fisioterapia (elettrostimolazione, ultrasuoni, laser, Tecar terapia) non hanno prodotto il risultato sperato.

Cerca nel sito

Corsi Metodo Solère in Italia: per Fisioterapisti e Osteopati

Oltre la sfera muscolo-scheletrica...

Dolori Mestruali

Circa la metà delle donne con cicli mestruali lamenta dolori per 1 o 2 giorni al mese: partendo dal concetto dell'osteopatia è possibile alleviare la loro insorgenza con tre sedute di Rééquilibration Fonctionnelle® fornendo risultati certi.

continua...

Colite e Stitichezza

Quando l'osteopatia può essere d'aiuto nella colite e nella stitichezza?

Il concetto dell'osteopatia, principale filo conduttore di queste pagine web, applicato alla sfera viscerale può permettere di trattare una serie di dolori e disturbi che si manifestano a livello intestinale.

continua...

La Fibromialgia

L’analisi della perdita di mobilità articolare può chiarire, in chiave biomeccanica, i comuni dolori muscolo-scheletrici non infiammatori. E' però importante precisare che una o più disfunzioni meccaniche di questo tipo, non sono in grado di: disturbare la qualità del sonno,  generare problemi di mucose, creare stati d’ansia, indurre perturbazioni neurovegetative.

Il paziente fibromialgico, come qualsiasi individuo, può avere qualche “blocco” responsabile di un dolore distrettuale, ma è evidente che la fibromialgia non è solo la semplice somma di squilibri e contratture muscolari.

continua...

L'ipofertilita'

Questo rappresenta un capitolo particolare, sia per l’implicazione emotiva che comporta un problema di questo tipo, sia per le potenzialità che una cura manuale e priva di effetti iatrogeni può avere.

Ogni coppia che dopo l’estenuante iter medico sia giunta a questo punto, conosce le sensazioni  conseguenti al sentirsi dire “è tutto a posto”, nonostante questo stato impedisca la fecondazione.

Il tema è delicato e sin da subito precisiamo che le ipofertilità che possono essere prese in carico sono quelle femminili, in cui oltre a questo fenomeno problematico (non patologico, diversamente saremmo davanti a casi di infertilità) esistono una serie di segni e sintomi che possono identificare con chiarezza se il problema manifestato ha le componenti trattabili con il Metodo Solère.

continua...


Aspetti Legali

Occorre sapere che...

 

Brochure

Scarica il pdf

 

  

Mappa Sito

Link