Wednesday 22 Nov 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style

La tua cura: 5 punti per comprendere...

Dal benessere alla patologia
Dal benessere alla patologia
Approfondisci...
Un percorso differente
Un percorso differente
Approfondisci...
Parlane al tuo medico
Parlane al tuo medico
Approfondisci...
Valutazione e trattamento
Valutazione e trattamento
Approfondisci...
Prova
Il ripristino delle funzionalità
Approfondisci...

La Lombalgia

 


In questa sezione rientrano tutti gli altri termini, medici e non, che servono a richiamare il dolore percepito al tratto lombare della colonna vertebrale: mal di schiena, sciatalgia, sciatica, dolore ai “reni” (intendendo l’area renale e non il problema dei reni quali organi di filtraggio del sangue).

Il problema interessa da sempre numerosi individui di differenti età: deve essere preventivamente inquadrato con una diagnosi medica, atta ad escludere che si tratti unicamente di un sintomo proveniente da altre patologie poi, quando è appurato che quadro clinico e sintomi riportano alla lombalgia comune, siamo nella condizione per rivolgerci all'osteopata.

Normalmente il desiderio di ogni persona che giunge in studio con una lombalgia è:

 

  • poter ritornare come prima...
  • comprendere meglio l'accaduto per eliminare/ridurre le recidive;
  • acquisire le principali informazioni per non essere dipendenti dalla terapia, dedicando ogni tanto un momento ad alcuni esercizi semplici ma allineati al trattamento svolto in studio.

Rispondere a queste esigenze è fondamentale, diversamente nel tempo il disturbo sarà collocato nel capitolo “lombalgia cronica aspecifica”, temine coniato ad ok per ammettere che la persona ha dolore, ma le conoscenze mediche classiche non permettono di comprerne le cause.

Le raccomandazioni e le linee guida di importanti società scientifiche indicano cosa fare e cosa non fare ma, anche in questo caso,  rimane il mistero sulle cause del dolore aspecifico.

Se il vostro eventuale precedente iter non ha permesso, nonostante competenza e premura, di ottenere un beneficio sulla vostra lombalgia,  diventa importante “smontare” il funzionamento del corpo umano per vedere oltre le indagini radiologiche e degli esami ematici, con la possibilità di decodificare la causa (o le cause) di ciò che “mal funziona” nella colonna vertebrale, senza che questa sia  radiologicamente alterata.

 

Le osservazioni cliniche di Roland Solère in questo senso e la successiva metodologia di valutazione e di analisi (dei dati), permettono spesso di far emergere aspetti non considerati nelle comuni, seppure approfondite, valutazioni mediche e fisioterapiche.

In estrema sintesi, quando siamo di fronte ad caso di lombalgia cronica aspecifica, il Metodo Solère propone una ulteriore valutazione che potrebbe far emergere 3 sottocapitoli:

  • 12 differenti casi di sindrome disfunzionale meccanica
  • 3 differenti casi di sindrome disfunzionale meccanica + correlazioni viscerali (ad
  • 11 differenti casi in cui la disfunzione c’è, ma non rientra nelle problematiche meccaniche, pur essendo la schiena il “luogo della manifestazione”. Per dettagliare meglio questo capitolo riferiamo che si tratta di sintomi “non meccanici” e “non organici” assimilabili a quelli che può manifestare un Paziente fibromialgico, ma diversi nella modalità di manifestazione e nell’intensità.

Tutto questo non rientra nel normale iter medico-diagnostico, nelle varie espressioni della fisioterapia/terapia manuale, nella pratica degli osteopati: è una prerogativa del Metodo Solère . Il trattamento prevede mediamente 3 sedute, nel corso delle quali il soggetto deve rilevare un sensibile miglioramento.


altri articoli correlati:

Lombalgia ed ernia al disco
Lombalgia al femminile

Cerca nel sito


Aspetti Legali

Occorre sapere che...

 

Brochure

Scarica il pdf

 

  

Mappa Sito

Link